Estratto dal capitolo 2 di Tony Pagoda e i suoi amici, di Paolo Sorrentino

Mi ritrovo in frac a mangiare un panino, circondato da sei ragazzini ubriachi che cazzeggiano. Sparano puttanate in tedesco. Non ci capisco niente. Ma, naturalmente, si può percepire il ritmo e l’atmosfera delle cose che dicono. E sapete cosa scopro? Si stanno divertendo. Con niente. Con sei birre da un euro e tre panini che si dividono. Due si baciano in bocca perché si vogliono bene per la prima volta. Un altro li fa divertire facendo l’imitazione di chissà chi. Un altro sopprime un rutto. Esotiche bellezze. Ridono all’improvviso, semplicemente guardandosi gli uni con gli altri. Non valgono ancora un cazzo di niente eppure sono un concentrato di dignità inaudita, solenne, elegante, oggettiva.
Sono la giovinezza, così come deve essere.
Perdere il tempo, oziare, per scoprire a piccoli passi tutto quello che la vita ha da offrire: l’amicizia, il sesso, il dolore, l’insicurezza, la voragine, l’innamoramento, il risentimento, l’invidia di quello che sta da solo per quei due che si baciano.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: