Capitolo 29 di The Restaurant at the End of the Universe, di Douglas Adams (seconda parte)

(Prosegue da qui)

A hundred yards away, pelted by the torrential rain, lay the Heart of Gold.
Its hatchway opened, and three figures emerged, huddling into themselves to keep the rain off their faces.
“In there?” shouted Trillian above the noise of the rain.
“Yes,” said Zarniwoop.
“That shack?”
“Yes.”
“Weird,” said Zaphod.
“But it’s in the middle of nowhere,” said Trillian, “we must have come to the wrong place. You can’t rule the Universe from a shack.”
They hurried through the pouring rain, and arrived, wet through, at the door. They knocked. They shivered.
The door opened.
“Hello?” said the man.
“Ah, excuse me,” said Zarniwoop, “I have reason to believe …”
“Do you rule the Universe?” said Zaphod.
The man smiled at him.
“I try not to,” he said, “Are you wet?”
Zaphod looked at him in astonishment.
“Wet?” he cried, “Doesn’t it look as if we’re wet?”
“That’s how it looks to me,” said the man, “but how you feel about it might be an altogether different matter. If you feel warmth makes you dry, you’d better come in.”
They went in.
They looked around the tiny shack, Zarniwoop with slight distaste, Trillian with interest, Zaphod with delight.
“Hey, er …” said Zaphod, “what’s your name?”
The man looked at them doubtfully.
“I don’t know. Why, do you think I should have one? It seems very odd to give a bundle of vague sensory perceptions a name.”
He invited Trillian to sit in the chair. He sat on the edge of the chair, Zarniwoop leaned stiffly against the table and Zaphod lay on the mattress.
“Wowee!” said Zaphod, “the seat of power!” He tickled the cat.
“Listen,” said Zarniwoop, “I must ask you some questions.”
“Alright,” said the man kindly, “you can sing to my cat if you like.”
“Would he like that?” asked Zaphod.
“You’d better ask him,” said the man.
“Does he talk?” said Zaphod.
“I have no memory of him talking,” said the man, “but I am very unreliable.”
Zarniwoop pulled some notes out of a pocket.
“Now,” he said, “you do rule the Universe, do you?”
“How can I tell?” said the man.
Zarniwoop ticked off a note on the paper.
“How long have you been doing this?”
“Ah,” said the man, “this is a question about the past, is it?”
Zarniwoop looked at him in puzzlement. This wasn’t exactly what he had been expecting.
“Yes,” he said.
“How can I tell,” said the man, “that the past isn’t a fiction designed to account for the discrepancy between my immediate physical sensations and my state of mind?”
Zarniwoop stared at him. The steam began to rise from his sodden clothes.
“So you answer all questions like this?” he said.
The man answered quickly.
“I say what it occurs to me to say when I think I hear people say things. More I cannot say.”
Zaphod laughed happily.
“I’ll drink to that,” he said and pulled out the bottle of Janx spirit. He leaped up and handed the bottle to the ruler of the Universe, who took it with pleasure.
“Good on you, great ruler,” he said, “tell it like it is.”
“No, listen to me,” said Zarniwoop, “people come to you, do they? In ships …”
“I think so,” said the man. He handed the bottle to Trillian.
“And they ask you,” said Zarniwoop, “to take decisions for them? About people’s lives, about worlds, about economies, about wars, about everything going on out there in the Universe?”
“Out there?” said the man, “out where?”
“Out there!” said Zarniwoop pointing at the door.
“How can you tell there’s anything out there,” said the man politely, “the door’s closed.”
The rain continued to pound the roof. Inside the shack it was warm.
“But you know there’s a whole Universe out there!” cried Zarniwoop. “You can’t dodge your responsibilities by saying they don’t exist!”
The ruler of the Universe thought for a long while whilst Zarniwoop quivered with anger.
“You’re very sure of your facts,” he said at last, “I couldn’t trust the thinking of a man who takes the Universe – if there is one – for granted.”
Zarniwoop still quivered, but was silent.
“I only decide about my Universe,” continued the man quietly. “My Universe is my eyes and my ears. Anything else is hearsay.”
“But don’t you believe in anything?”
The man shrugged and picked up his cat.
“I don’t understand what you mean,” he said.
“You don’t understand that what you decide in this shack of yours affects the lives and fates of millions of people? This is all monstrously wrong!”
“I don’t know. I’ve never met all these people you speak of. And neither, I suspect, have you. They only exist in words we hear. It is folly to say you know what is happening to other people. Only they know, if they exist. They have their own Universes of their own eyes and ears.”
Trillian said:
“I think I’m just popping outside for a moment.”
She left and walked into the rain.
“Do you believe other people exist?” insisted Zarniwoop.
“I have no opinion. How can I say?”
“I’d better see what’s up with Trillian,” said Zaphod and slipped out.
Outside, he said to her:
“I think the Universe is in pretty good hands, yeah?”
“Very good,” said Trillian. They walked off into the rain.
Inside, Zarniwoop continued.
“But don’t you understand that people live or die on your word?”
The ruler of the Universe waited for as long as he could. When he heard the faint sound of the ship’s engines starting he spoke to cover it.
“It’s nothing to do with me,” he said, “I am not involved with people. The Lord knows I am not a cruel man.”
“Ah!” barked Zarniwoop, “you say ‘The Lord’. You believe in something!”
“My cat,” said the man benignly, picking it up and stroking it, “I call him The Lord. I am kind to him.”
“Alright,” said Zarniwoop, pressing home his point, “How do you know he exists? How do you know he knows you to be kind, or enjoys what he thinks of as your kindness?”
“I don’t,” said the man with a smile, “I have no idea. It merely pleases me to behave in a certain way to what appears to be a cat. Do you behave any differently? Please, I think I am tired.”
Zarniwoop heaved a thoroughly dissatisfied sigh and looked about.
“Where are the other two?” he said suddenly.
“What other two?” said the ruler of the Universe, settling back into his chair and refilling his whisky glass.
“Beeblebrox and the girl! The two who were here!”
“I remember no one. The past is a fiction to account for …”
“Stuff it,” snapped Zarniwoop and ran out into the rain. There was no ship. The rain continued to churn the mud. There was no sign to show where the ship had been. He hollered into the rain. He turned and ran back to the shack and found it locked.
The ruler of the Universe dozed lightly in his chair. After a while he played with the pencil and the paper again and was delighted when he discovered how to make a mark with the one on the other. Various noises continued outside, but he didn’t know whether they were real or not. He then talked to his table for a week to see how it would react.

***

A un centinaio di metri di distanza, sferzato dalla pioggia torrenziale, si trovava il Cuore d’Oro.
Il boccaporto si aprì e ne emersero tre figure, rannicchiate su loro stesse per evitare la pioggia sulla faccia.
“Lì dentro?” gridò Trillian superando il rumore della pioggia.
“Sì”, disse Zarniwoop.
“Quella capanna?”
“Sì.”
“Strano”, disse Zaphod.
“Ma è in mezzo al nulla”, disse Trillian, “dobbiamo essere venuti nel posto sbagliato. Non si può comandare l’Universo da una capanna.”
Corsero nella pioggia battente e arrivarono, bagnati fradici, alla porta. Bussarono. Rabbrividirono.
La porta si aprì.
“Prego?” disse l’uomo.
“Ah, mi scusi”, disse Zarniwoop, “ho motivo di credere…”
“È lei che comanda l’Universo?” chiese Zaphod.
L’uomo gli sorrise.
“Cerco di non farlo”, rispose. “Siete bagnati?”
Zaphod lo guardò attonito.
“Bagnati?” strillò. “Non si vede che siamo bagnati?”
“A me sembra di sì”, disse l’uomo, “ma l’impressione che ne avete voi potrebbe essere una questione completamente diversa. Se avete l’impressione che il calore vi asciughi, fareste meglio a entrare.”
Entrarono.
Osservarono l’interno della piccola capanna, Zarniwoop con un lieve disgusto, Trillian con interesse, Zaphod con piacere.
“Ehi, hmm…” disse Zaphod, “come si chiama?”
L’uomo li scrutò dubbioso.
“Non lo so. Perché, credete che devo avere un nome? Sembra molto strano dare un nome a un insieme di vaghe percezioni sensoriali.”
Invitò Trillian a sedersi sulla poltrona. Lui si sedette sul bracciolo, Zarniwoop si appoggiò rigidamente al tavolo e Zaphod si sdraiò sul materasso.
“Wow!” disse Zaphod, “la sedia del potere!” Solleticò il gatto.
“Ascolti”, disse Zarniwoop, “devo farle alcune domande.”
“Va bene”, replicò cortesemente l’uomo, “potete cantare per il mio gatto se volete.”
“Gli piacerebbe?” domandò Zaphod.
“Dovreste chiederlo a lui”, rispose l’uomo.
“Parla?” chiese Zaphod.
“Non ho ricordi di sentirlo parlare”, disse l’uomo, “ma sono estremamente inaffidabile.”
Zarniwoop tirò fuori degli appunti da una tasca.
“Allora”, iniziò, “lei comanda l’Universo, vero?”
“Come faccio a saperlo?” disse l’uomo.
Zarniwoop spuntò un’annotazione sul foglio.
“Da quanto tempo lo fa?”
“Ah”, disse l’uomo, “questa è una domanda sul passato, giusto?”
Zarniwoop lo guardò perplesso. Non stava andando esattamente come si era aspettato.
“Sì”, disse.
“Come faccio a sapere”, replicò l’uomo, “che il passato non è una finzione disegnata per giustificare la discrepanza tra le mie sensazioni fisiche immanenti e il mio stato mentale?”
Zarniwoop lo fissò. Iniziò ad alzarsi del vapore dai suoi vestiti zuppi.
“Risponde in questo modo a tutte le domande?” chiese.
L’uomo replicò in fretta.
“Dico quello che mi viene in mente di dire quando credo di sentire parlare la gente. Non posso dire altro.”
Zaphod rise allegramente.
“Propongo un brindisi”, disse, tirando fuori la bottiglia di liquore Janx. Saltò su e allungò la bottiglia al capo dell’Universo, che la prese volentieri.
“Ben fatto, grande capo”, continuò, “dica le cose come stanno.”
“No, mi ascolti”, disse Zarniwoop, “vengono delle persone da lei, vero? Con delle navi…”
“Credo di sì”, rispose l’uomo. Allungò la bottiglia a Trillian.
“E le chiedono”, proseguì Zarniwoop, “di prendere decisioni per loro? Sulla vita delle persone, sui mondi, sulle economie, sulle guerre, su tutto quello che succede là fuori nell’Universo?”
“Là fuori?” disse l’uomo. “Fuori dove?”
“Là fuori!” sbottò Zarniwoop indicando la porta.
“Come fai a sapere che c’è qualcosa là fuori?” replicò cortesemente l’uomo. “La porta è chiusa.”
La pioggia continua a battere sul tetto. Dentro la capanna era caldo.
“Ma lo sa che c’è un intero Universo là fuori!” gridò Zarniwoop. “Non può scansare le sue responsabilità dicendo che non esistono!”
Il capo dell’Universo ragionò a lungo mentre Zarniwoop tremava dalla rabbia.
“Sei molto sicuro di quello che dici”, sentenziò alla fine. “Non potrei mai fidarmi del pensiero di un uomo che dà l’Universo, ammesso che ne esista uno, per scontato.”
Zarniwoop tremava ancora, ma senza parlare.
“Io decido solo del mio Universo”, continuò l’uomo con calma. “Il mio Universo sono i miei occhi e le mie orecchie. Tutto il resto sono dicerie.”
“Ma lei non crede a nulla?”
L’uomo sollevò le spalle e prese in braccio il gatto.
“Non capisco che cosa vuoi dire”, disse.
“Non capisce che le decisioni che prende dentro questa sua capanna si riflettono sulla vita e sul destino di milioni di persone? È tutto mostruosamente ingiusto!”
“Non lo so. Non ho mai incontrato tutte queste persone di cui parli. E neanche tu, sospetto. Esistono solo nelle parole che sentiamo. È folle dire di sapere quello che succede agli altri. Soltanto loro lo sanno, ammesso che esistano. Loro hanno i propri Universi nei loro occhi e orecchi.”
Trillian disse:
“Credo che farò un salto fuori un attimo.”
Se ne andò ed entrò nella pioggia.
“Crede che esistano altre persone?” insistè Zarniwoop.
“Non ho nessuna opinione. Come faccio a dirlo?”
“È meglio se io vado a vedere che succede a Trillian”, intervenne Zaphod e si dileguò.
Fuori, le disse:
“Credo che l’Universo sia proprio in buone mani, no?”
“Ottime”, disse Trillian. Si allontanarono sotto la pioggia.
Dentro, Zarniwoop continuava.
“Ma non capisce che con le sue parole decide se la gente vive o muore?”
Il capo dell’Universo aspettò il più a lungo possibile. Quando sentì il rumore sommesso dei motori della navi che si avviavano, parlò per coprirlo.
“Io non c’entro nulla”, disse, “non ho niente a che fare con la gente. Il Signore sa che non sono un uomo crudele.”
“Ah!” urlò Zarniwoop. “Ha detto ‘il Signore’. Lei crede in qualcosa!”
“Il mio gatto”, rispose benignamente l’uomo, prendendolo in braccio e accarezzandolo, “lo chiamo il Signore. Sono buono con lui.”
“Va bene”, riprese Zarniwoop, affondando il colpo. “Come fa a sapere che esiste? Come fa a dire che lui sa che è buono, o che apprezza quella che lei considera la sua bontà?”
“Non lo so”, disse l’uomo con un sorriso, “non ne ho idea. Mi fa semplicemente piacere comportarmi in un determinato modo nei confronti di quello che sembra essere un gatto. Tu ti comporti in modo diverso? Ti prego, credo di essere stanco.”
Zarniwoop emise un sospiro profondamente insoddisfatto e si guardò attorno.
“Dove sono gli altri due?” disse di colpo.
“Quali altri due?” domandò il capo dell’Universo, sistemandosi sulla poltrona e riempiendo il bicchiere di whisky.
“Beeblebrox e la ragazza! I due che erano qui!”
“Non ricordo nessuno. Il passato è una finzione per giustificare…”
“La smetta”, sbottò Zarniwoop, e corse fuori sotto la pioggia. La nave non c’era. La pioggia continuava a battere sul fango. Non c’era alcun segno di dove fosse stata la nave. Lanciò un grido nella pioggia. Si girò e corse indietro verso la capanna e la trovò chiusa.
Il capo dell’Universo sonnecchiava beatamente sulla poltrona. Dopo un po’ si mise a giocherellare con la matita e la carta e rimase deliziato quando scoprì come lasciare un segno con l’una sull’altra. Fuori continuarono a sentirsi vari rumori, ma non sapeva se fossero reali o meno. Quindi parlò per una settimana con il tavolo per vedere come avrebbe reagito.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

One thought on “Capitolo 29 di The Restaurant at the End of the Universe, di Douglas Adams (seconda parte)

  1. […] Capitolo 29 di The Restaurant at the End of the Universe, di Douglas Adams (seconda parte) « A… scrive: 26 maggio 2012 alle 13:05 […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: